Linguaggio

Oggi riflettevo sul linguaggio. Quello quotidiano, informale. Pensavo a quanto si sia accorciato nei vocaboli e quanto si sia invece allungato nella quantità dei flussi di coscienza. Vuoti. Siamo diventati maestri nel parlare sempre di noi stessi, senza dire nulla. Continuiamo a giocare i nostri giochi di parole, addrestrandoci a parlare come in una palestra, senza però spogliarci mai. Ci compiacciamo giudicando e esprimendo emozioni già passate, morte dentro di noi. Parliamo troppo e sentiamo in differita. Ci scambiamo discorsi anonimi fra cadaveri, insopportabili e rumorosi. Noi non comunichiamo mai.

G.D.

Annunci

2 risposte a "Linguaggio"

  1. beh dai… non tutti così.
    Io, per esempio, parlo pochissimo. Quasi niente.A scuola mi chiamano La sfinge.
    sarà che odio le chiacchiere vane. Quelle in cui non si dice niente. Si fa solo finta.
    Meglio un bel silenzio denso. Magari condito di sguardi eloquenti.

    Oppure no.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...