Linguaggio

Oggi riflettevo sul linguaggio. Quello quotidiano, informale. Pensavo a quanto si sia accorciato nei vocaboli e quanto si sia invece allungato nella quantità dei flussi di coscienza. Vuoti. Siamo diventati maestri nel parlare sempre di noi stessi, senza dire nulla. Continuiamo a giocare i nostri giochi di parole, addrestrandoci a parlare come in una palestra, senza però spogliarci mai. Ci compiacciamo giudicando e esprimendo emozioni già passate, morte dentro di noi. Parliamo troppo e sentiamo in differita. Ci scambiamo discorsi anonimi fra cadaveri, insopportabili e rumorosi. Noi non comunichiamo mai.

G.D.

Annunci